Bologna - tel. 051203198
info@bologna.social-forum.org
www.bologna.social-forum.org
Logo Contropiani
BOLOGNA SOCIAL FORUM INFORMAZIONE RETE DOCUMENTAZIONE CALENDARIO E APPUNTAMENTI HOME
Documentazione
In evidenza:

Liste del BSF

Sottoscrivi
Cancella



 
Cerca nel sito o nel web
Mappa del sito
Sito
Web

powered by FreeFind






Intendiamo, come Gruppo Donne NOOCSE Bologna 2000, partecipare, con le nostre modalità e secondo gli obiettivi della MARCIA MONDIALE DELLE DONNE 2000, alla rete per un diverso modo di intendere e di vivere il mondo delle donne e degli uomini, contro gli standard ed i criteri di globalizzazione portati avanti da organismi internazionali come l’ OCSE, il WTO, NATO...

PER LA LIBERTÀ FEMMINILE

Le donne vogliono essere libere da guerre, violenze e povertà: vogliono camminare insieme una marcia mondiale con appuntamenti: il 14 ottobre 2000 a BRUXELLES, il 15 a WASHINGTON, per protestare contro FMI e .consegneranno a NEW YORK il 17 ottobre milioni di cartoline all’ONU, al Segretario nazionale delle NU.

Le donne vogliono:
Eliminare la povertà ed assicurare un’equa condivisione del benessere e delle ricchezze mondiali tra ricchi e poveri, uomini e donne, eliminare le violenze contro le donne e garantire la piena uguaglianza tra donne e uomini.

Il Movimento delle Donne reca, come proprio contributo, temi specifici del nostro Paese come:

  1. Il rifiuto permanente della guerra come mezzo per risolvere conflitti internazionali e locali, mantenendo ponti di donne al di là dei confini nei luoghi dei conflitti armati, senza l’uso ipocrita di "guerre umanitarie".
  2. Il rifiuto che il territorio italiano sia usato come base degli strumenti di distruzione e morte e che il disimpegno del nostro Paese da operazioni militari sia immediato e unilaterale (NATO o Esercito Europeo).
  3. Noi donne rifiutiamo il nuovo modello di difesa: modello di aggressione funzionale alla logica che coniuga guerre e globalizzazione.
  4. No al militarismo del nuovo esercito, che usa le donne , per legittimare un’istituzione patriarcale e portatrice di morte, attraverso la mistica della nuova tecnologia.

Sì allo stato laico. No alle ingerenze confessionali!
Sì alle difese delle libertà conquistate, come la legge 194 !
No alle pretese regressive di riconoscere lo stato giuridico all’embrione !
No all’etica integralista nelle leggi sulle tecniche di riproduzione assistita !
Sì ai diritti di singole e singoli e coppie di fatto, no all’opposizione tenace ai diritti di lesbiche, gay, transgender e alle leggi regionali discriminanti.
É un diritto irrinunciabile delle donne l’autodeterminarsi sul proprio corpo, per ciò che riguarda l’aborto(legale) e l’accesso alle tecniche riproduttive, con controlli ai centri, che le praticano.
L’orientamento sessuale è un diritto fondamentale delle persone, i diritti siano attribuiti alle persone, non alle famiglie, a cui nessuno/a deve essere obbligato.

Sì all’autonomia economica delle donne !
No a precarietà, flessibilità, incertezza per le giovani generazioni femminili !
L’attività di riproduzione sia riconosciuta, senza obbligo o un destino!
No alla disoccupazione dell’Italia meridionale, che diventa lesione dei diritti elementari delle donne e uomini e della loro autonomia.
Sì ad un salario sociale ,per chi non ha lavoro !
Sì alla regolarizzazione di coloro ,che sono senza permesso di soggiorno,per il diritto di soggiorno per tutti e tutte, per la libera circolazione delle persone, per la chiusura dei centri di detenzione.
Sì al riconoscimento dello statuto di rifugiate per le donne vittime di discriminazione sessista e per le lesbiche, gay, trangender.




BOLOGNA SOCIAL FORUM INFORMAZIONE RETE DOCUMENTAZIONE CALENDARIO E APPUNTAMENTI HOME