Bologna - tel. 051203198
info@bologna.social-forum.org
www.bologna.social-forum.org
Logo Contropiani
BOLOGNA SOCIAL FORUM INFORMAZIONE RETE DOCUMENTAZIONE CALENDARIO E APPUNTAMENTI HOME

Bologna Social Forum
  • Comunicazioni

In evidenza:



Lista di discussione

leggi l'archivio

Hosted by
eGroups.com



Newsletter del
Bologna Social Forum

leggi l'archivio

Hosted by
eGroups.com



 
Cerca nel sito o nel web
Mappa del sito
Sito
Web

powered by FreeFind


 

 

Scalo Internazionale Migranti

 



 

16/10/02

OCCUPATO L'EX ALBERGO DEI FERROVIERI

 

Questa mattina un gruppo di attivisti del Bologna Social Forum ha occupato l'EX ALBERGO DEI FERROVIERI di via Casarini 23.
L'immobile, composto da diverse stanze con annessi servizi, un tempo veniva utilizzato come luogo in cui i ferrovieri fuori sede potevano dormire. Sono ormai anni che le FS non lo utilizzano, lasciando andare in malora una struttura che, con la fame di posti letto a basso costo che c'è in città, potrebbe dare un servizio sociale molto utile a tutta la collettività bolognese.
Il fabbricato di via Casarini 23 fa parte delle aree e degli immobili che le Ferrovie dello Stato intendono "valorizzare". Non è ancora chiaro quale sarà il suo utilizzo per i prossimi anni.
Il Comune, da parecchi mesi, è a conoscenza dell'esistenza di questa struttura, ma si è guardato bene dall'aprire una trattativa con la proprietà per un suo utilizzo come "Albergo Popolare" per ospitare persone, lavoratori, studenti, che hanno bisogno di un alloggio temporaneo per orientarsi a trovare una sistemazione più stabile. Del resto, questa amministrazione comunale ha cambiato destinazione d'uso (lasciandolo per interi giorni della settimana vuoto) all'Albergo Popolare di via del Pallone (la sua ristrutturazione era stata finanziata con fondi pubblici), perché ritiene fastidiosa per la città di Bologna la presenza di persone che non hanno una casa.
Noi riteniamo sia una scandalo che, mentre in città tante persone vivono in situazioni di estrema precarietà, senza nemmeno un tetto sulla testa, posti come questo rimangano vuoti.
Pertanto, questa mattina, abbiamo decretato dal basso la sua riapertura, per poterlo utilizzare al più presto come "Albergo Popolare". Ci siamo assunti, con questa azione di lotta, un impegno che dovrebbe essere degli Enti locali, ma che nessuno ha inteso fino ad ora assolvere.

 

 

Invitiamo tutti gli organi di informazione,
i compagni e le compagne di movimento,
le associazioni di volontariato
alla CONFERENZA STAMPA
che si terrà questa mattina alle 11,30
davanti allo stabile occupato di via Casarini 23

 

 

BOLOGNA SOCIAL FORUM
Info 051203198

 

 


Torna su


 





16/10/02  

All¡attenzione dei cittadini e delle cittadine di Bologna e a chi a non ha smesso di pensaree p.c. agli organi di informazione

 

E¡ nato la Scalo Internazionale Migranti
via casarini 23

 

Questa mattina 50 cittadine e cittadini del Bologna Social Forum hanno restituito alla città gli stabili di via Casarini 23 e da diverse ore stanno gratuitamente pulendo e sistemando le oltre 30 stanze per tornino disponibili all¡uso pubblico.

L¡ex albergo ferrovieri di Trenitalia Spa è chiuso da oltre 2 anni e nonostante il colpevole abbandono si presenta agibile ed in grado di diventare uno scalo libero di appoggio nella ricerca di un¡abitazione ai cittadini italiani o migranti, ai quali oggi questo diritto è negato.

Scalo, ma anche laboratorio di resistenza e leva di conflitto contro la legge razzista e schiavista bossi Fini, la sua cultura e la sua conseguenze pratiche.

La nostra scelta è stata dettata dalla volontà di rompere un silenzio sempre più pesante in città. Un silenzio che riguarda tutti e per il quale non vogliamo accettare altre complicità. Un silenzio che avvolge i destini di migliaia di migranti sulla cui pelle viene quotidiamente applicata la legge Bossi Fini, producendo precarietà e clandestinizzazione sociale, spezzando i sogni di emancipazione e liberazione dei molti migranti che hanno eletto la nostra città a territorio di lavoro e costruzione di un progetto di vita migliore..

Un silenzio che non parla della vergognosa nuova normativa dei Centri di Prima Accoglienza, che causerà la diretta espulsione di centinaia di migranti, delle retate nelle periferie dimenticate, del funzionamento a tempo pieno del CPT, dell¡esclusione dei diritti di cittadinanza.

Lo stesso silenzio nel quale sarebbe passato la demolizione del campo sul Reno della comunità rumena se non fossero intervenuti semplici cittadini solidali ed il BSF fornendo un primo sostegno legale e accogliendoli nelle nostre strutture; lo stesso silenzio che ha permesso un vero e proprio raid nei confronti dei pakistani abitanti in via Guelfa, cinque dei quali sono stati rinchiusi nel CPT, sempre più strumento di repressione violenta nel nuovo contesto disciplinare introdotto dalla legge Bossi/Fini.

Non pensiamo di avere la soluzione a tutto, ma di certo da questa mattina il Bologna Social Forum ha dato a tutta la società civile di Bologna un¡altra possibilità di rompere questo silenzio, di ribellarsi inaugurando un cantiere di costruzione concreta di un altro mondo possibile.

Il progetto Scalo Internazionale Migranti è aperto e attraversabile dai molti che in questa città rifiutano le logiche di deprivazione dei diritti di cittadinanza attuate dalla giunta Guazzaloca, ed invitiamo tutte le associazioni antirazziste, le realtà della sinistra sociale ed ogni cittaidino a venire a conoscere questo progetto e a disegnarlo insieme a noi.

Anche perchè, se non ora quando?

 

ASSEMBLEA ORE 21.00 via Casarini 23

 

Bologna Social Forum
Bologna, 16/10/2002, secondo anno della guerra globale permanente

 

 


Torna su


 





16/10/02

Benvenuti nello Scalo Internazionale dei Migranti, oggi abbiamo occupato l' ex albergo ferrovieri in via Casarini 23, un posto inutilizzato da due anni e sul quale non esiste alcuna proposta pubblica di progettualità da parte degli enti competenti.
Riteniamo invece che il posto possa essere utilizzato a fini sociali e culturali, vista la carenza e il continuo smantellamento da parte del comune di ogni struttura di accoglienza e di alloggio in relazione ai migranti ma anche a quanti in città soffrono il problema dell' alloggio e del diritto alla casa. Questa è una azione pratica per rispondere alla questione alloggi ma anche una iniziativa di denuncia: un posto costruito con fondi pubblici in disuso da anni e in buone condizioni , a causa della politica di chiusura del comune di Bologna sul fronte del diritto alla casa, resta sbarrato e invisibile alla collettività.
E come già anticipato da tempo nelle ultime riunioni del Bologna social forum, in assenza di proposte concrete da parte delle istituzioni, abbiamo deciso di darci da fare e di riaprire questo posto ai bisogni reali delle persone.
Siamo anche coscienti che da qui a qualche mese centinaia dipersone, cittadini migranti non avranno un posto dove stare; il comune ha deciso di chiudere i centri di accoglienza...a questa situazione di disagio che la bossi-fini non fa altro che incrementare, noi oggi diamo una prima risposta.
Ma questo non sarà solo un luogo di accoglienza, che già di per sè nel quadro dipinto dalle nuove e sempre più repressive leggi sull' immigrazione è già una forma di disobbedienza e sabotaggio, questo sarà anche un luogo aperto a tutte le realtà che agiscono sul terreno dei migranti e dei diritti e che intendano sviluppare rivendicazioni vertenze conflitti con i migranti, per la libertà di circolazione, per i diritti alla casa e all' accoglienza.
Riteniamo che tutte le forze democratiche della città che si pongono il problema dovrebbero valutare questa iniziativa come una valida esperienza di democrazia dal basso, attuata tra l' altro da quei soggetti che da anni si occupano e lavorano con gli immigrati e denunciano l' inazione del comune o peggio l' univoca prospettiva repressiva delle istituzioni in merito. Con il problema dell' alloggio e degli affitti che questa città soffre da tempo, dopo gli sgomberi e la progressiva chiusura dei centri di accoglienza, è uno scandalo che una struttura simile, ripetiamo in buone condizioni e pagato con soldi pubblici, resti chiusa. Su questo noi abbiamo preso un' iniziativa concreta. Pensiamo che quest' azione non risolva gli immani problemi che ci troviamo difronte ma pensiamo di dare un segnale forte tentando di mettere in campo e dal basso una progettualità in tema di accoglienza , alloggi e diritto alla casa che latita in primis a causa di questa giunta comunale.
Questa è la nostra risposta allo sgombero violento di ieri notte dei migranti pakistani all' ex dazio di via Mattei!
Questa la nostra risposta allo sgombero del campo di
citadini rumeni di un mese fa a Borgo Panigale e alla
totale indifferenza dimostrara dal comune verso la
loro sorte!
Questa la nostra risposta alla Bossi-Fini!
Questa la nostra risposta all' egoismo sociale che
riguarda buona parte di questa città!
Invitiamo tutti all' assemblea del BSF di questa sera!

Kontroverso, ex-mercato24,Rifondazione Comunista, Spazio sociale studenti, Tavolo migranti, Disobbedienti...nel bsf


http://italy.indymedia.org/news/2002/10/94767.php
http://italy.indymedia.org/news/2002/10/94741.php

kontroverso@yahoo.it

 

 


Torna su


 





16/10/02

Dichiarazione stampa di Stefano Maruca (Segreteria CGIL Bologna)

su occupazione dell¡ex albergo dei ferrovieriDi fronte alla notizia che Àun gruppo di attivisti del BSF ha occupato l¡EX ALBERGO DEI FERROVIERI di via Casarini 23” penso che occorra guardare alla drammatica realtà al problema irrisolto, che questa iniziativa mette in evidenza:
l¡incapacità della città di Bologna di dare risposta al bisogno di casa in affitto per i lavoratori immigrati (italiani e stranieri), per i giovani (coppie o singoli) che intendono rendersi autonomi dalle famiglie, per i nuovi e vecchi poveri.
La CGIL di Bologna, insieme ad un vasto arco di associazioni, ha denunciato con forza la drammaticità dell¡emergenza casa e l¡urgenza con cui andrebbero predisposte soluzioni abitative tipo Àalbergo popolare” per consentire alle fasce più deboli del lavoro migrante e del disagio sociale di trovare risposte diverse da quella della strada o della baracca in riva al fiume.
La vera notizia, anzi lo Àscandalo”, non è tanto l¡occupazione dello stabile abbandonato di via Casarini, quanto il fatto che questo e altri stabili che potrebbero essere adibiti ad albergo popolare o alloggi a canone calmierato, rimangano abbandonati e inutilizzati, per l¡inerzia o peggio l¡indifferenza dell¡Amministrazione Comunale e degli Enti Locali di fronte a questo specifico problema.

Il problema a nostro giudizio non è principalmente quello delle Àrisorse”.
In città (intesa come città metropolitana, ad ambito provinciale) esistono edifici, aree, soggetti economici, forze sociali e del volontariato, sufficienti a costruire risposte adeguate, la grande assente è la Politica. 
Alle amministrazioni comunali e provinciale chiediamo, anzi pensiamo che abbiano il dovere di assumere l¡inizitiva per attivare le risorse sopraccitate al fine di potenziare l¡offerta abitativa e l¡accoglienza verso i nuovi cittadini.
L¡occupazione non è la risposta a questi problemi, ma forse può essere il dito che indica la luna a chi ha la responsabilità di governare Bologna.

Bologna 16 ottobre ¡02


 

 


 

 




17/10/02  

Grandi avvenimenti scuotono il nostro paese; dopo anni di soporifera pace sociale , emerge con chiarezza una nuova conflittualità diffusa, che fa della difesa e dell'estensione dei diritti, un punto centrale dell'iniziativa politica e sindacale, di cui lo sciopero generale rappresenta l'espressione più alta. La pretesa di assoggettare i bisogni degli uomini e delle donne alle esigenze del "mercato" si scontra oggi con un movimento sociale che ,dai luoghi di lavoro al mondo variegato del volontariato e dell'associazionismo, dalla sinistra politica al movimento contro la globalizzazione capitalistica, tenta di ri-costruire momenti di resistenza e di contrasto alla violenta imposizione delle politiche neoliberiste, di cui gli immigrati, anello debole della società, sono il soggetto più colpito. L'occupazione di un ex albergo per ferrovieri, da parte del Bologna Social Forum, in stato di abbandono da anni, si muove nel giusto obbiettivo di dare una risposta alla totale assenza delle istituzioni nelle politiche per l'accoglienza e per la casa, in questo senso raccoglie il mio sostegno. A chi può dispiacere la socializzazione di uno stabile inutilizzato da anni? Non certo ai lavoratori ed alle lavoratrici, agli studenti universitari ed agli immigrati che sono costretti a sborsare fino a 300 E al mese un posto letto e fino a un intero stipendio per poco più di un monolocale, non certo a chi oggi lotta per difendere il proprio salario, non certo ai lavoratori interinali della Tim di Bologna ,che da mesi sostengono una vertenza contro la precarietà e per ottenere lo stesso salario riconosciuto ai loro colleghi. Lo Scalo internazionale dei migranti, così è stato ribattezzato l'ex albergo, può rappresentare il tentativo di realizzare percorsi di elaborazione politica di un'altra socialità, coniugando efficacemente forme di assistenza alle emergenze sociali, ad una pratica politica che si spenda per costruire una vertenza generale, sul territorio, per la riconquista dei diritti negati.

Sergio Bellavita
Segreteria Regionale Fiom Emilia Romagna

 

 

 

 

 

 



 
18/10/02

COMUNICATO STAMPA


DE SIMONE (PRC): BOLOGNA, LA REGIONE ACQUISISCA STABILE DI VIA CASARINI


"Ho raggiunto questa mattina, a margine della manifestazione per lo sciopero generale, insieme agli esponenti del Bologna Social Forum, il Ferrhotel, lo stabile ferroviario inutilizzato di Via Casarini. Ho potuto verificare, durante la visita, che la struttura è tutt'altro che fatiscente, come invece dichiarano i dirigenti di Trenitalia, ed, anzi, potrebbe rispondere alla necessità di spazi adibiti a scopi sociali - è quanto ha dichiarato Titti De Simone, capogruppo di Rifondazione Comunista in Commissione Cultura alla Camera -. Nel territorio bolognese si è manifestata l'esigenza di una struttura adibita all'accoglienza di cittadini stranieri che vivono situazioni di particolare disagio, come è rilevabile dalla vicenda, ancora aperta, dei lavoratori Rumeni. La Regione - ha aggiunto De Simone - è in grado, almeno sulla carta, di soddisfare questa necessità, avendo a disposizione un fondo destinato al finanziamento di spazi adibiti a scopi sociali. È anche possibile partecipare ad un bando, la cui scadenza è fissata al 31 ottobre: resta poco tempo, ma lo spazio è stato individuato e manca solo la presentazione del progetto. Ho chiesto, quindi, questa mattina un incontro al prefetto per proporre l'apertura di un tavolo di confronto, a cui partecipino gli Enti locali, per poter acquisire questo spazio. Ora - ha concluso De Simone - è necessario che la Regione si attivi."


Bologna, 18 ottobre 2002 

Torna su
 




22/10/02

Notte tra 5° e 6° giorno.

Siamo senza acqua. Acqua che è indispensabile per vivere, per tutti voi, per noi e per coloro che con noi costruiranno questo progetto di resistenza pratica alla applicazione della terribile legge razzista Bossi\Fini.
La stessa acqua che in tante parti in tutto il mondo è oggetto di vergog nosi attacchi neoliberisti. Acqua che è un diritto sempre meno garantito per gli ultimi della terra.
Da 3 giorni Trenitalia spa ha deciso di assediare questo sogno che nasc e in via Casarini 23. Un sogno praticato da noi, da molti altri come noi e differenti da noi. Un sogno fatto di diritti e dignità per tutti, un sogno di città metropolitana, europea, globale, meticciata e multicultur ale, in cui cittadino sia chiunque decide di abitare a Bologna indipende ntemente da dove sia nato o dal sangue che scorre nelle sue vene.
Dall'altra parte del muro c'è un'impresa ex pubblica, ex partecipata sta talmente, ora svenduta al privato, poco sociale e molto rapace.
Un impresa, denominata Trenitalia spa, che non si cura della manutenzion e delle linee ferroviarie nelle periferie dimenticate (Messina), ma che investe nella devastazione del territorio per costruire linee di traspor to d'elite e aprire cantieri ad alta mortalità operaia (Pianoro).
Un impresa che organizza un assedio nei confronti dello Scalo Internazio nale Migranti staccando la luce e negando l'acqua. Assoldando un servizi o di security molto agitato che ci gira intorno e provoca continuamente la notte sfruttando i cani per presidiare il giardino ed evitarci di ria ttaccare luce e acqua.
Security ottimista, il cui salario immaginiamo aumenti in ragione del fa tto che ci nega la possibilità di scrivere parole di libertà sui muri di questo quartiere triste, rovinato e inquinato.
Badate, se è vero che siamo sotto assedio, è anche vero che insieme ai n ostri amici resistiamo e respingiamo gli assalti, convinti che non si po ssa solo attendere un mondo migliore ma che bisogna costruirlo subito.
Anche perché se è vero che oggi è il terzo giorno che ci arrangiamo, con tinuando senza acqua e luce, siamo comunque sicuri che fuori c'è il sole o almeno una bellissima luna.

Agenzia di comunicazione Scalo Internazionale Migranti 

Torna su
 




23/10/02

MI CASA ES TU CASA
TU LUCHA ES MI LUCHA


Siamo al settimo giorno della genesi dello Scalo Internazionale Migranti e la nostra creatura ha preso forma:un percorso reale di resistenza e di lotta sociale alla legge Bossi-Fini.

Abbiamo occupato questo spazio dimesso e inutilizzato per ridare dignità ai nostri fratelli,abbiamo occupato per dare un futuro a questa città.

Trenitalia spa si illude vergognosamente di porre fine al nostro progetto di resistenza e lotta privando lo Scalo di ACQUA E LUCE.
Ancora una volta prevale il verbo neoliberista di esclusiva proprietà privata contro quello che invece è un progetto sociale:NOI RECLAMIAMO IL DIRITTO FONDAMENTALE ALL¡ACQUA,BENE PRIMARIO PER LA SOPRAVVIVENZA E PER LA DIGNITà DI OGNI UOMO,BENE CHE SIAMO DISPOSTI A PAGARE.

Nel momento in cui questa richiesta ci venisse negata anche dal tavolo della trattativa (dal quale paradossalmente siamo stati esclusi),riterremo indispensabile passare ad azioni di riappropriazione dal basso.

ANDREMO AVANTI per dare corpo a Reti di Resistenza e garantire continuità allo Scalo Internazionale Migranti,primo Laboratorio concreto di Opposizione alla legge Bossi-Fini.

ÀMancano 106 miglia per arrivare a Chicago,abbiamo il pieno di benzina,mezzo pacchetto di sigarette,è buio e noi abbiamo gli occhiali da sole.Partiamo”


(John Belushi,The Blues Brothers)

Gli occupanti dello Scalo Internazionale Migranti

Torna su
 




12/11/02

 

All'attenzione della stettabile Trenitalia spa
e per conoscenza gentile signora società civile e organi di stampa


Lo Scalo Internazionale Migranti di via Casarini 23 è stato occupato il 16/10 scorso e da questa data autogestito con la solidarietà di molte associazioni, organizzazioni sindacali e partiti politici.
Nonostante ciò la situazione all'interno dello Scalo è ancora precaria perchè la proprietà, che ha lasciato in disuso e in deperimento lo stabile per oltre due anni, ha tagliato la fornitura della centrale termica e dell'energia elettrica.
Noi lavoratori e disoccupati migranti siamo disponibili a coprire i costi necessari per queste utenze, considerando soprattutto che qui dimoriamo con le nostre famiglie e figli, primo tra i quali l'ultimo nato Bernard che ha solo tre settimane.
Richiediamo quindi l'allacciamento dell'energia elettrica e del riscaldamento necessari alla nostra sopravvivenza e dignità, decisi a non recidere comunque dall'iniziativa intrapresa per far valere i nostri diritti.
Agenzia di comunicazione Scalo Internazionale Migranti

Torna su
 




27/11/02

 

CHIUDIAMO I CENTRI DI PERMANENZA TEMPORANEA
SABOTIAMO LA LEGGE BOSSI FINI


Il 15 settembre a Treviso è stato sottoscritto un patto in vista dell'entrata in vigore della legge Bossi-Fini: il patto per l'Umanità.
In risposta ad una legge che considera gli esseri umani merce, salvo poi rinchiuderli ed espellerli una volta divenuti non più necessari, quella piazza colorata ed entusiasta ha voluto ribadire il proprio rifiuto a norme razziste e schiaviste impegnandosi a praticare quello che noi chiamiamo boicottaggio e sabotaggio.
Questo impegno ha portato alla creazione il 16 ottobre, qui a Bologna, dello SCALO INTERNAZIONALE MIGRANTI di via Casarini, vera e propria breccia all'interno di una fortezza Europa che negli ultimi dieci anni ha perseguito una politica di rafforzamento delle frontiere con l'est e il sud del mondo e di potenziamento dei cosiddetti confini interni mediante la costruzione dei lager-CPT. A questa idea di Europa noi ne contrapponiamo un'altra che, dal basso, propone l'accoglienza e la possibilità di decidere liberamente in quale luogo della terra vivere e sentirsi cittadini, indipendentemente da dove si è nati.

Sabato 30 novembre un pulman da via Casarini ci porterà a corso Brunelleschi dove ci troveremo di fronte ad uno dei più grandi CPT del nostro paese.
Partiamo per Torino portando con noi l'esperienza che abbiamo vissuto in questi due mesi per testimoniare che un altro mondo possibile non lo si chiede, ma lo si costruisce giorno per giorno.
NESSUN MURO DI CINTA POTRÀ FERMARCI

Agenzia di Comunicazione "Scalo Internazionale Migranti"     
Bologna, 27/11/2002, anno secondo della guerra globale permanente
PRENOTAZIONI: giovedì 28 dalle ore 21, 30 al TPO Viale Lenin

 

Torna su
 




04/12/02

All'attenzione della Signora Società civile ed agli amici ed amiche dello
Scalo Internazionale Migranti
e p.c. agli organi di stampa

MERCOLEDI' ANDREMO A INCONTRARE LA PROPRIETA': CI RICEVERANNO?


La mattina del 16 ottobre 2002 abbiamo occupato l'ex ferrhotel di via Casarini 23, di proprietà di Trenitalia spa e da anni abbandonato, dando vita allo Scalo Internazionale Migranti. Lo Scalo non è un centro di accoglienza, ma un laboratorio politico in cui praticare forme concrete di resistenza e disobbedienza alla legge Bossi-Fini. Un primo appoggio ed uno spazio concreto che consenta ai migranti di riappropriarsi della dignità che questa legge cancella.
Dal 27 ottobre danno vita a questo luogo quegli ottanta rumeni che il 19 settembre la polizia aveva sgomberato con violenza dalle loro baracche sul Lungoreno, nell'indifferenza colpevole e complice degli enti locali. All'interno dello Scalo sono stati eseguiti i lavori di pulizia generale e di ristrutturazione necessari per poter ospitare il maggior numero possibile di migranti, ma, immediatamente dopo l'occupazione, Trenitalia ha tagliato le forniture di acqua, energia elettrica e gas, cercando di impedire la crescita di questo progetto.
Dopo alcuni giorni di pressione nei confronti della proprietà è stato effettuato il riallaccio dell'acqua. Lo stesso non è accaduto per l'energia elettrica ed il gas, nonostante l'assemblea degli e delle residenti abbia comunicato a Trenitalia l'intenzione di farsi carico delle spese.
La luce all'interno delle stanze e dei corridoi è a tutt'oggi fornita da un gruppo elettrogeno che comporta costi elevati di gestione e non può assolutamente essere utilizzato per alimentare apparecchi per il riscaldamento, che con l'avanzare dell'inverno diventa sempre più necessario, anche per la presenza di neonati, bambini e di donne incinte.
Il freddo sta già causando problemi di salute ad alcuni dei migranti residenti, che sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso.
Crediamo che luce e riscaldamento siano diritti inalienabili di tutti i cittadini di questa città, indipendentemente dal fatto che siamo nati in questi territori o li abbiamo eletti a residenza, indipendentemente dal fatto che una legge ingiusta imponga la distinzione tra "regolari" e "irregolari". E siamo sicuri di non essere gli unici a pensarlo.
E' per questo che i cittadini residenti allo Scalo chiedono a tutte le associazioni, movimenti e singoli di essere al loro fianco nel conflitto per la difesa del loro progetto e di rilanciare la resistenza alla legge Bossi/Fini. E chiedono di farlo concretamente, rendendo visibile quella rete di solidarietà che ci ha attraversati in queste straordinarie settimane.
MEETING POINT MERCOLEDI' ORE 17.00 VIA CASARINI 23

Agenzia di comunicazione Scalo Internazionale Migranti - bologna - via casarini 23

NICIUNO OM E' ILEGAL
NINGUNA PERSONA ES ILLEGAL
KEIN MANN IST ILLEGAL
NO ONE IS ILLEGAL

 

Torna su
 

 

 


 



19/12/02

Lo Scalo Internazionale migranti si presenta alla città e racconta la sua storia..
Si racconterà di un Ferrhotel abbandonato da anni nel quartiere Porto in via Casarini 23 e riaperto il giorno 16 ottobre 2002 da un gruppo di migranti.
Si narrerà di come si sia creata una formidabile unione tra italiani e migranti dopo uno sgombero violento della polizia di una baraccopoli sul lungo Reno.
Si parlerà di un progetto che, attraverso la critica e la resistenza alla legge sull'immigrazione Bossi-Fini, vuole costruire un luogo di discussione sociale nel quale sia possibile riaffermare per tutti la dignità che questa legge cancella.
Una dignità che si concretizza nella rivendicazione del diritto alla casa, al lavoro, all'assistenza sanitaria, all'istruzione per tutti.Tutti coloro che hanno a cuore la libertà e le condizioni per la sua realizzazione, sono invitati all'assemblea che si terrà nella sala dell'Angelo giovedì 19 dicembre alle ore 20:30 in via S.Mamolo 24.
Per questa occasione sono previsti l'allestimento di una mostra fotografica sui Centri Permanenza Temporanea(CPT) e la proiezione di alcuni video.

Assemblea per l'autogestione dello Scalo Internazionale Migranti via
Casarini 23 BOLOGNA



 

 

 


 



18/03/03

Cantiere
Scalo Internazionale Migranti di Via Casarini 23

Con la legge Bossi-Fini e l'apertura del CPT a Bologna continua il processo di esclusione sociale che costringe alla clandestinità molti cittadini migranti che vivono nei nostri territori.
Contro questi provvedimenti rilanciamo la lotta in città, a partire dallo Scalo Internazionale Migranti di via Casarini: sappiamo cos'era, un Ferrhotel dismesso, ora non è più abbandonato, anzi è un luogo di esperienze comuni.
Oggi comunichiamo alla città l'esistenza di questo Cantiere, un luogo in cui stiamo costruendo, facendo crescere e dando corpo ad un progetto: garantire il rispetto della dignità del migrante, favorire la socializzazione e lo scambio culturale, creare un luogo di politica nel quartiere, nulla di invisibile e clandestino, ma aperto alla città.
E' un luogo di tutti i migranti, di qualsiasi provenienza, perché vi possano trovare strumenti per realizzare il loro progetto di vita, passare una parte del loro percorso con noi, trovare un punto di riferimento per le necessità quotidiane (istruzione, sanità, casa, lavoro). Una rete, dunque, che investa tutte le comunità presenti sul territorio.
Per far questo pensiamo di realizzare un luogo dove storie e informazioni possano diventare patrimonio comune; un "ufficio dei diritti", dove chiedere informazioni, chiarimenti, reperire moduli, per far conoscere e garantire diritti a chi quotidianamente se li vede negati, anche in prosecuzione della campagna Tana Libera Tutti; un "ambulatorio medico", gestito dai medici di Sokos, con lo scopo di monitorare e far fronte alle emergenze sanitarie in quelle situazioni abitative di tipo collettivo ad alto rischio epidemico, prescrivere medicine, richiedere esami e visite specialistiche; uno "sportello scuola", capace di indicare la strada per inserire gratuitamente bambine e bambini nella scuola dell'obbligo (fino ai 15 anni) o in corsi di formazione professionale e di avviamento al lavoro
Ma il Cantiere è anche e soprattutto un luogo dell'agire politico e sociale che si oppone nella concretezza dei fatti alle logiche razziste e decostruenti della Legge Bossi Fini, che lega il diritto ad esistere col contratto di lavoro: per questo cercheremo di attraversare tutto l'agire politico locale con le lotte dei migranti e coi migranti per la chiusura degli aberranti CPT - Centri di Permanenza Temporanea, per una trasformazione dei CPA - Centri di Prima Accoglienza, per il riconoscimento dei diritti di cittadinanza.
Siamo aperti tutti i giovedì dalle 19.00 alle 21.00
Negli stessi orari è attivo il numero di telefono 348/4124625


 

 

 

BOLOGNA SOCIAL FORUM INFORMAZIONE RETE DOCUMENTAZIONE CALENDARIO E APPUNTAMENTI HOME