Bologna - tel. 051203198
info@bologna.social-forum.org
www.bologna.social-forum.org
Logo Contropiani
BOLOGNA SOCIAL FORUM INFORMAZIONE RETE DOCUMENTAZIONE CALENDARIO E APPUNTAMENTI HOME
Bologna Social Forum
  • Comunicazioni
In evidenza:

Liste del BSF

Sottoscrivi
Cancella



 
Cerca nel sito o nel web
Mappa del sito
Sito
Web

powered by FreeFind











 

Tavolo contro la Guerra di Bologna

 


 

 

 

Manifestazioni contro la guerra

 

 


 

 

Tavolo contro la guerra di Bologna
Comunicato

 

La guerra sta mostrando tutto il suo orrore e tutte le nefaste e tragiche conseguenze che ne possono derivare. Il 12 Aprile, come già il 15 Febbraio, tutte le piazze del mondo saranno riempite per chiedere un immediato “Cessate il fuoco”, per mostrare ancora una volta tutto l’isolamento di chi la guerra ha scatenato e dei Governi che la sostengono, a partire da quello italiano.
Bologna è parte di questo grande movimento contro la guerra ed ha dato dimostrazione di tutto il suo impegno, con la massiccia presenza alla manifestazione del 15 febbraio a Roma, alle manifestazioni tenute a Bologna il 12, il 19 ed il 29 Marzo ed a tutte le altre iniziative che si tengono ogni giorno nella nostra città.
Il Tavolo contro la guerra di Bologna invita tutte le cittadine ed i cittadini ad essere di nuovo presenti a Roma alla Manifestazione Nazionale “Cessate il fuoco “ del 12 Aprile.
Saranno organizzati treni e pulman. Le prenotazioni saranno raccolte presso la “Tenda contro la guerra” di Piazza Maggiore e presso tutte le altre organizzazioni che fanno parte del Tavolo.

CESSATE IL FUOCO
manifestazione nazionale
Roma, sabato 12 aprile, ore 14
Il Comitato 'Fermiamo la guerra', di fronte ad una guerra che di giorno in giorno diventa più drammatica e devastante, e di fronte al crescente coinvolgimento del governo italiano, invita le cittadine e i cittadini, l'opposizione politica, parlamentare e sociale a partecipare alla manifestazione nazionale che si terrà a Roma, sabato 12 aprile – giornata di mobilitazione mondiale contro la guerra - alle ore 14, sulla base di questi contenuti:

  • Cessate il fuoco
  • Fermare le stragi e la tragedia umanitaria
  • In Iraq, come nel resto del mondo, la guerra non porta democrazia
  • La guerra uccide persone, natura, civiltà, diritti e democrazia
  • Fuori l'Italia dalla guerra nel rispetto dell'Art.11 della Costituzione
  • L'Europa ripudi la guerra e agisca per la pace
  • L'Onu imponga il rispetto del diritto internazionale e della sua Carta che "rifiuta il flagello della guerra"

 

 

 

Torna su

 

 


 

 

IL TAVOLO CONTRO LA GUERRA DI BOLOGNA ORGANIZZA DUE TRENI SPECIALI IN PARTENZA DA BOLOGNA PER LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE "CESSATE IL FUOCO" DEL 12 APRILE .
Il treno partirà alle 7.20 e l'appuntamento è fissato per le 7.00 in stazione centrale atrio arrivi. Il concentramento a roma è previsto per le 14.00 in Piazza della Repubblica - Stazione Termini. il corteo raggiungerà il Circo Massimo.

  • TRENO n.1 (referente BSF), biglietti in vendita a 15 euro presso IL GRUPPO CONSILIARE DI RIFONDAZIONE COMUNISTA IN PIAZZA MAGGGIORE 6 (ingresso cortile del pozzo) TUTTI I GIORNI DALLE ORE 9 ALLE 17 (escluso giovedì pomeriggio fino alle 14.30). Tel. 051/203198
  • TRENO n.2 (referente CGIL - Camera del Lavoro di Bologna) biglietti in vendita a 15 euro presso CGIL - CAMERA DEL LAVORO DI BOLOGNA Via Marconi 67. Tel. 051/6087340

 

 

Torna su

 


 

 

All'attenzione delle reti, reti di reti, singolarità e movimenti ribelli contro la guerra globale permanente
e p.c. organi di stampa

Treno della disobbedienza per Roma 12/04/2003:
Giornata dell'indignazione/ Agire contro la guerra


Il 12 aprile le reti contro la guerra accettano la scommessa di rendersi di nuovo visibili e di riempire le piazze globali di Madrid, NYC, Cairo, Londra e molte altre. Noi saremo a Roma, indignati per quello che è stato l'ennesimo atto di guerra sui civili scatenato dalla coalizione anglo/americana e dagli altri paesi che, succubi della potenza militare e neoliberale americana, hanno rinunciato alla propria sovranità e violato le proprie costituzioni per partecipare alla conquista dell'Iraq.
Siamo indignati per tutti i morti di questa guerra, per le donne ed i bambini, per i giornalisti assassinati, per tutte le ipocrisie che hanno reso timida anche la stessa opposizione parlamentare che non ha saputo chiedere a voce alta e ferma il cessate il fuoco, se non per soli 24 deputati, indignati perchè sappiamo che la guerra non finisce nel momento in cui le bandiere stars & stripes sventolano sui palazzi di Bagdad e Bassora, ma continuerà contro altri paesi e le loro popolazioni civili, come continuerà sul fronte interno dei paesi belligeranti, contro migranti, profughi e precari, contro lo stesso diritto ad avere diritti e dignità, contro i democratici e ribelli globali, per continuare la costruzione di un nuovo ordine mondiale che trova nel neoliberalismo la sua cifra e nella guerra la fondazione della sua sovranità.
Indignati perchè sotto le bombe sganciate dai B52 in questi 22 giorni di guerra sono stati distrutti anche ogni ipotesi di diritto ed istituzione internazionale e viene forgiato un nuovo modello di governance globale, più violento, più atroce, più antidemocratico, che vuole negare ogni alternativa di mondo migliore possibile. Indignati perchè in ogni nuovo atto bellico di questa guerra globale il vero nemico è l'umanità.
Indignati anche con TreniItalia spa che ha partecipato alla logistica di guerra utilizzando la sua rete ferroviaria ed i suoi treni per trasferire carri armati ed truppe in Iraq.
Movimento delle e dei disobbedienti
Appuntamento ore 09.00 di sabato mattina stazione di Bologna.

Info: 051/490356 - disobbedientiBologna@yahoo.it
www.globalradio.it
www.tvglobal.it
Hot Bird | frequenza 11199,66 Mhz | Polarizzazione verticale | Symbolrate 27500 | canale Goldbox 499

 

 

Torna su

 


 

Per chi rimane a Bologna
Boicottaggio della ESSO

 

Nell'ambito del boicotaggio della Esso (STOP ESSO WAR), in occasione della giornata di mobilitazione nazionale indetta per sabato 12 aprile, a Bologna si realizzerà un azione di VOLANTINAGGIO presso i distributori ESSO.
L'appuntamento per l'azione è
Sabato 12 Aprile presso la tenda della Pace in Piazza Re Enzo alle ore 10.Le modalità:
Ci si trova dotati di un mezzo di spostamento (possibilmente in bicicletta), per poter raggiungere, divisi in gruppetti, ognuno uno specifico distributore.
Ogni gruppetto dovrebbe procurarsi uno striscione con su scritto STOP ESSO WAR.
Una volta raggiuto il distributore, rimanendo all'ingresso, senza bloccare l'accesso, si distribuirà un volantino spiegando agli automobilisti le motivazioni del boicottaggio e invitandoli a non rifornirsi presso le pompe E$$O.
Vista la caratteristica nonviolenta dell'azione e' buona norma non 're-agire' a provocazioni di ogni genere cercando di ascoltare o al limite ignorare anche chi si dice a favore di questa guerra. (vedi regole in fondo alla mail).Verrà consegnata ai gestori una lettere per spiegare le motivazioni e gli obbiettivi della campagna e della STOP E$$O DAY specificando che non è nostra intenzione diretta daneggiarli.
Per chi volesse informazioni maggiori sulla campagna: www.stopessowar.it
Il gruppo di coordinamento


Regole di condotta obbligatorie per partecipare all'iniziativa nonviolenta:

  1. E' un'iniziativa nonviolenta, possono partecipare solo le persone che
    accettano incondizionatamente di attenersi alle regole della nonviolenza.
  2. Tutti i partecipanti devono saper comunicare parlando con chiarezza, con
    tranquillità, con rispetto per tutti, e senza mai offendere nessuno.
  3. Tutti i partecipanti devono conoscere perfettamente senso e fini di
    questa azione diretta nonviolenta.
  4. Tutti devono rispettare i seguenti princìpi della nonviolenza:
    • non fare del male a nessuno (se una sola persona dice o fa delle stupidaggini, o una sola persona si fa male, la nostra azione diretta nonviolenta è irrimediabilmente e totalmente fallita, e deve essere immediatamente sospesa);
    • spiegare a tutti (amici, autorità, interlocutori, interpositori, eventuali oppositori) cosa si intende fare, e che l'azione diretta nonviolenta non è rivolta contro qualcuno, ma contro la violenza;
    • dire la verità;
    • fare solo le cose decise prima insieme ed annunciate pubblicamente (cioè a tutti note e da tutti condivise); nessuno deve prendere iniziative personali di nessun genere; la nonviolenza richiede lealtà e disciplina;
    • assumersi la responsabilità delle proprie azioni e quindi subire anche le conseguenze che ne derivano; le conseguenze cui ogni singolo partecipante può andare incontro , vanno accettate pacificamente e onestamente, e ad esse nessuno deve cercare di sottrarsi (è utile portare un documento di identità).
    • mantenere una condotta nonviolenta anche di fronte all'eventuale violenza altrui. Chi non accetta queste regole, o ritiene di non poter garantire - in situazioni di tensione - la propria tenuta psicologica, non può partecipare all'azione nonviolenta.

 

 

 

Torna su

 

BOLOGNA SOCIAL FORUM INFORMAZIONE RETE DOCUMENTAZIONE CALENDARIO E APPUNTAMENTI HOME