Bologna - tel. 051203198
info@bologna.social-forum.org
www.bologna.social-forum.org
Logo Contropiani
BOLOGNA SOCIAL FORUM INFORMAZIONE RETE DOCUMENTAZIONE CALENDARIO E APPUNTAMENTI HOME
Bologna Social Forum
  • Comunicazioni
In evidenza:

Liste del BSF

Sottoscrivi
Cancella



 
Cerca nel sito o nel web
Mappa del sito
Sito
Web

powered by FreeFind









23 DENUNCE PER LO
SMONTAGGIO DEL CPT


Durante questo fine settimana sono arrivati 23 avvisi di garanzia ad altrettante persone accusate di aver partecipato allo "smontaggio" del Centro di Detenzione per migranti di Via Mattei lo scorso 25 gennaio. I reati contestati sono quelli di danneggiamenti, occupazione abusiva di suolo pubblico e resistenza a pubblico ufficiale. Si tratta, probabilmente, di una prima tranche a cui faranno seguito altri provvedimenti.
Che dire?
E' vergognoso che al più alto "gesto di civiltà" che si è verificato quest'anno nella nostra città l'unica risposta che si dia sia quella repressiva.
Ce lo aspettavamo tutto questo?
Certo che sì, soprattutto ora, dopo che da poche settimane è stata approvata la legge razzista e fascista sull'immigrazione (la Bossi-Fini). La battaglia contro l'apertura del CPT di via Mattei è stata uno dei temi su cui il movimento dei movimenti ha posto particolarmente l'attenzione in questo ultimo anno, ora che il carcere etnico è stato aperto questa lotta deve proseguire con altre forme, cercando di coinvolgere ancora di più pezzi della società civile.
La mobilitazione contro i CPT deve essere legata alla battaglia contro la Bossi-Fini, una legge che deve essere contrastata concretamente, giorno per giorno, nella sua attuazione.
La lotta dei cittadini migranti per "dignità e diritti" deve essere la nostra lotta perché, con le misure previste dalla Bossi-Fini (es: il contratto di soggiorno), ad essere intaccati sono i diritti di tutti i lavoratori, sia stranieri che italiani.
Il 2 marzo scorso eravamo in 15 mila a "rivendicare", nelle strade di Bologna, la giustezza dello smontaggio del CPT, adesso che un gruppo di compagni viene colpito, nessuno deve essere lasciato solo in questa vicenda.
Totale solidarietà, dunque, ma anche consapevolezza su un fatto: la lotta alla repressione sarà molto più efficace se il movimento, il social forum, le associazioni e le reti che ne fanno parte, sapranno tenere viva l'attenzione contro questa legge razzista, con tutta la radicalità necessaria, insieme a una capacità di coinvolgimento ancora più vasta di quella abbiamo prodotto in passato.


Valerio Monteventi


Consigliere comunale indipendente PRC

Bologna, 30 luglio 2002

 

 

BOLOGNA SOCIAL FORUM INFORMAZIONE RETE DOCUMENTAZIONE CALENDARIO E APPUNTAMENTI HOME